23 febbraio 2012

British colonial cap 1940. MFW Day 2.


Ieri grandi sfilate. E curiosi accostamenti. Come questo cappello coloniale, scovato in un vecchio mercatino, che ho deciso di indossare al secondo giorno di MFW. Credo di avere avuto più scatti io della Natascia Stefanenko seduta di fronte a me da Rocco Barocco. Il che mi ha fatto riflettere su due cose: la prima che non è necessario investire grandi cifre e la seconda è che bisogna narrare, in un gioco delle parti un po' pirandelliano. E così è stato. 

Un pezzo di storia che ho portato con me, calato sulla testa. Il pillbox cap   infatti apparteneva alla Brigata Gurkha, un'unità dell'esercito britannico i cui componenti furono arruolati tra la popolazione nepalese. Dopo l'indipendenza dell'India  quattro dei reggimenti Gurkha vennero accorpati all'esercito britannico, costituendo i Royal Gurkha Riflemen.

Dicevamo dunque la sfilata di Rocco Barocco titolata a monte come "Iperfemminilità al maschile". E via alle reminiscenze optical, agli ampi caban, alle fantasie floreali, alle giacche sartoriali dalle spalle ben disegnate, alle gonne svasate in satin e seta, alle cinture Bustier, ai colli di Mongolia e ai colletti bianchi da educanda. Una giornalista vicino a me ha detto "è tutto molto bello ma non so come definirlo, come classificarlo", è vero. L'ho pensato anche io. Ma forse questo era proprio il suo bello, o il suo limite. 

Oppure la rappresentazione dell'identità dell'uomo: sfuggente, inafferrabile. Ben rappresentata dalle donne maschietto in principe di Galles, cravatte e bretelle gioiello. E rafforzata dall'esatto opposto: la concretezza statuaria di Ivana Mrazova, direttamente dall'Ariston di Sanremo alla passerella di Rocco Barocco, a dimostrare con abito lungo a fiori stampati che la vera seduzione sta sempre nel cartesiano dualismo.
  

Che dire...chapeau! 

Yesterday it was amazing at the fashion show! And unexpected combinations. Like this old colonial hat found in a vintage market I wore on the second day of Milan Fashion Week.
I got more attention than Natascia Stefanenko at the Rocco Barocco show. That made me think that fashion and style are not about the money but the qirkiness and the fun in exploring and telling a story.

The Rocco Barocco Fashion show was all about Masculine Femininity: optical prints, caban, floral prints , college girl shirts, high wait belts, silk A-line skirts.
A fashion journalist sitting next to me was puzzled, wondering how to describe the collection, how to "classify" it. I was impossible and beautiful!

 





Christian Dior coat
Christian Dior little bag
Les Poppins bag
Ankle boots Costume National
Collant Emilio Cavallini

Ed ecco qualche scatto alla sfilata di Rocco Barocco...




12 commenti:

  1. Che abiti splendidi fanno sognare

    RispondiElimina
  2. Forse farei un figurone nella front line col mio binocolo tedesco della seconda guerra mondiale :-)

    RispondiElimina
  3. ti pregoooo è delizioso il cappello militare !!!!!

    RispondiElimina
  4. meravigliosa pattyyyyy spero di beccarti in questa milano surreale :)

    RispondiElimina
  5. Che abiti meravigliosi... li voglio tutti!!! ;)

    RispondiElimina

Grazie per i vostri deliziosi commenti!
Seguitemi anche su INSTAGRAM pfgstyle e TWITTER @pfgstyle

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...